ADRIANO MODICA

e la terza mano

biografia




Sono nato nel 1977. In seguito ci ho riprovato diverse volte, spesso con ottimi risultati, ma resta questa la mia data di nascita definitiva. Non mi ricordo dov'ero prima e che ho fatto dopo.
Quand'ero piccolo avevo paura del tre di bastoni e dell'asso di spade e ogni tanto sentivo gente sotto il letto. Questo mi preoccupava, perché sapevo che ero io che me lo stavo inventando.
Sotto il cuscino tenevo sempre delle figurine immaginarie con le facce delle mie fidanzate. Le ho amate alla follia. Qualcuna sapeva anche come mi chiamavo.foto

Mi piaceva disegnare e a tutti piacevano i miei disegni. Io pensavo da che branco di incompetenti ero circondato. golden goose sneakers
Mi piaceva dormire, ed è stato nel sonno che ho fatto le cose più belle della mia vita.
Un giorno mio padre mi dice: "Scegli, o un fucile o una chitarra" e io "Dipende da quello che ci devo fare" e lui "Voglio farti un regalo". Io volevo il fucile e ho scelto la chitarra.
Ecco spiegato il mio rapporto conflittuale con la musica.
In un periodo della mia vita ho fatto l'attore. L'unica cosa di cui sono fiero è il corto, perché per il resto ho fatto fiction. Mi divertiva essere pagato per fare finta, fino a quel momento l'avevo sempre fatto gratis. Paradossalmente in quel periodo un sacco di conoscenti mi guardavano con stima e rispetto. Io amareggiato pensavo: a te sicuramente sarebbero piaciuti i disegni che facevo da bambino.
Mi ritengo una persona ottimista, socievole e progressista i giorni pari. Pessimista, antisociale e conservatrice i giorni dispari. La domenica non ho saucony donna scarpe mai capito se è pari o dispari. Tuttavia spesso la sua tristezza mi mette di buonumore. foto Dopo l'esperienza televisivo-cinematografica ho iniziato a dedicarmi di più alla musica. Suono chitarra, basso, batteria, pianola e aggeggi vari. Tutti male, ma canto meglio.

Prima ho registrato in casa un demo di quattro brani "Iano", uscito nel 2003 per l'etichetta indipendente Blueaudio, interamente suonato da me. buscemi shoes Poi un giorno ho deciso di fare una trilogia: credo si chiami "la trilogia di Iano". Il primo album si chiama "Annanna", ovvero "l'album di stoffa", registrato tra il 2004 e il 2005 da Gianni Brancati che ci ha suonato anche la chitarra elettrica. Il secondo si chiama "Il fantasma ha paura" ed è "l'album di pietra". Registrato tra il 2006 e il 2007 da Enzo Cimino, è uscito il 10 settembre 2007 per la Trovarobato/Audioglobe. Il terzo e ultimo si chiama "La Sedia" ed è "l'album di legno".foto

La Terza Mano è il gruppo che mi accompagna dal vivo: Marco Meduri (basso e cori), Peppe Costa (batteria) e Marco Ragno (vibraphonette e sintetizzatori). Ho suonato il basso nel gruppo di Marco Parente, negli Ulan Bator, nei Jennifer Gentle e negli Addamanera, la batteria, la chitarra classica e il piano nei John Merrick, ho fatto un paio di concerti alla voce e chitarra con Il Parto delle Nuvole Pesanti. Adoro il suono vintage, perché mi ricorda quando non c'ero.